Come conservare il basilico: altri metodi

Quando è nato questo blog ed ho quindi iniziato a scrivere, ho redatto un articolo in cui parlavo del basilico e di quei metodi che conoscevo per la sua conservazione nei mesi invernali.

basilico

Alcuni commentando quell’articolo mi hanno chiesto e suggerito altri metodi, per questo è da diverso tempo che ho pensato di scrivere un altro articolo su come conservare il basilico: questi nuovi metodi, di cui ho saputo ultimamente, ve li riporto in un elenco e spero vi siano utili!

Sicuramente quello che preferisco è il congelamento, da effettuare dopo aver lavato le singole foglie di basilico con un panno umido (mai lavarle sotto l’acqua corrente o perdono parte del loro aroma) ed averle asciugate con l’aiuto di un canovaccio. Ne esistono due varianti:

  • il metodo più semplice consiste nel mettere le foglie di basilico su un vassoio ricoperto con carta stagnola, riporle in freezer e quando saranno congelate potete conservarle in un sacchetto per surgelati o in un contenitore di plastica (da tenere sempre in freezer). In questo modo le singole foglie manterranno tutto il loro aroma e la loro freschezza quando le userete nei sughi e nelle vostre preparazioni;
  • un altro metodo è molto simile ad uno di quelli che avevo proposto nel primo articolo e consiste nel disporre in barattoli di vetro le foglie di basilico a strati, alternandole con del sale fino. Dovrete terminare con quest’ultimo, schiacciare bene il tutto, ricoprire a filo con dell’olio d’oliva e chiudere con un tappo: in questo modo il basilico si conserva per 2 mesi anche fuori dal frigorifero (non salate i vostri piatti quando lo usate) e l’olio si aromatizza diventando un ottimo condimento;

pesto-alla-genovese

  • potete riempire i contenitori del ghiaccio con alcune foglie di basilico (all’incirca 3 o 4), acqua e congelare il tutto, così quando butterete un cubetto di ghiaccio nel sugo questo si scioglierà liberando le foglie che saranno come appena raccolte (potete usare questo stratagemma anche con la salvia);
  • un metodo comodo è quello di essiccare le foglie al sole,  poi sbriciolarle ed unirle al sale: in questa maniera potete anche unire più erbe aromatiche come prezzemolo, salvia, rosmarino ed usare questo miscuglio per insaporire carne, patate e pesce. Il rapporto tra sale ed erbe tritate è uguale, cioè del 50%;
  • potete preparare del pesto (sopra quello che ho preparato tempo fa con l’olio Dante e di cui presto posterò la ricetta) che potrete conservare sempre sotto forma di cubetti di ghiaccio oppure dentro dei barattolini che andranno sterilizzati in acqua bollente per circa 40 minuti: così sarete a posto per tutto l’inverno (metodo adatto anche per il prezzemolo)!

Credo di aver riportato tutti i metodi che conosco. Alcuni di questi non li ho ancora provati sinceramente (per esempio quello con olio, ma credo lo farò presto perché mi intriga), quindi se voi ne conoscete altri o pensate ci siano degli errori fatevi sotto e commentate per illuminarmi! Alla fine non si smette mai di imparare e sicuramente quello di interagire con voi che mi visitate ogni giorno è il modo migliore per farlo!

Anche stavolta passo e chiudo e vi aspetto per il prossimo articolo con tanti trucchi, ricette, collaborazioni e chi più ne ha più ne metta! Un saluto a tutti e come sempre…

BUON APPETITO!!

Related Posts with Thumbnails

5 pensieri su “Come conservare il basilico: altri metodi

    • :D grazie a te per essere passata a trovarmi! Sono contenta che l’articolo ti piaccia..e naturalmente passerò da te! ;-) ciaoooo

  1. Ciao, se metti le foglie di basilico a contatto con la stagnola nel freezer si appiccicano alla stagnola e non le togli più. Conviene lavarle, asciugarle e una volta asciutte inserirle in dei sacchetti da freezer SENZA ROMPERLE.

    • :) come ti ho scritto anche su Facebook, non mi ricordo se quando ho usato questo metodo si sono attaccate alla stagnola (qualcuno magari mi dia o meno conferma)..in ogni caso grazie per la dritta!! ^_^ un abbraccio!!!

    • :) come ti ho scritto anche su Facebook, non ricordo se quando ho usato questo metodo si sono attaccate alla stagnola (qualcuno magari mi dia o meno conferma)..in ogni caso grazie per la dritta!! ^_^ un abbraccio!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *