Curiosità sull’uovo di Pasqua

uovo pasqua

In questo articolo vi parlerò in generale delle uova di Pasqua, cioè delle loro origini, di come è nata la tradizione e come decorarle.

La sua storia
La tradizione di scambiarsi le uova a Pasqua ha origine antichissime e simboleggia la vita che si rinnova. Infatti la Pasqua coincide con l’inizio della primavera, che originariamente veniva celebrata con riti per il rinnovo della natura e per la fecondità. In età medievale, le uova venivano regalate ai servi, mentre in Germania venivano regalate ai bambini insieme ad altri doni pasquali. In molti paesi invece, come la Gran Bretagna, il dispettoso coniglio pasquale colora e nasconde le uova nei giardini delle famiglie, dove i bambini si cimentano in una divertente caccia al tesoro.
Decorare che passione

Secondo la leggenda Maria Maddalena, una delle donne che erano andate al sepolcro di Gesù, dopo averlo trovato vuoto, corse dai discepoli e annunciò loro la notizia. Pietro, uno dei discepoli, non credette però la donna e le disse: “Crederò a quello che dici solo se le uova contenute in quel cesto diverranno rosse.” E subito le uova si colorarono di un rosso intenso!


E da allora ogni cultura sviluppò un suo modo di colorare le uova: alcuni decorano le uova sode con colori vegetali e alimentari per poi mangiarle, altrimenti si svuotano le uova con dei forellini alle estremità e si usano solo i gusci. In Germania e Austria si ha l’usanza di regalare uova verdi il giovedì santo, mentre in Grecia si usano quelle rosse in onore del sangue di Cristo. In Armenia si dipingono invece con scene della passione o immagini di Gesù e della Madonna, mentre nell’Europa orientale si usano motivi stilizzati geometrici bicolore.

Come decorare le uova di Pasqua

Se volete anche voi cimentarvi in quest’arte, potete usare un’antica tecnica che consiste nell’attaccare piccole piante o foglie intorno all’uovo e nel bollirle con colori vegetali, così quando si staccano le foglie rimangono delle macchie più chiare.
Ma potete anche passare un panno inumidito con aceto sul guscio delle uova, in modo da renderle più ricettive al colore, e poi bollirle in un pentolino di acqua con un cucchiaio di aceto. Poi mettete un cucchiaio dell’ingrediente che vi serve per ottenere la colorazione che avete scelto e aumentate la dose a seconda del numero di uova. Portare l’acqua ad ebollizione e far cuocere per 15 minuti. Togliere dal fuoco e riporre in un piatto. Per rafforzare la colorazione riporle in frigo per una notte intera.
Se volte potete poi usare qualche goccia di olio di oliva e lucidarle con un panno morbido o con dell’ovatta.
Gli ingredienti che potete usare per colorarle sono:
– per il rosso. una barbabietola grattugiata (cuocetele se le volete il rosa);
– per il verde, le foglie di spinaci;
– per l’arancione, la cipolla;
– per il giallo, usate tè o zafferano;
– il blu, usate il cavolo rosso;
– per il marrone, il caffè forte.

Naturalmente poi potete sbizzarrirvi disegnandole con colori tempera, adesivi o pennarelli indelebili, o a decorarle con perline, fiori secchi, pasta o tutto quello che vi suggerisce la fantasia! Quindi buon divertimento..e BUONA PASQUA A TUTTI!

Related Posts with Thumbnails

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *