Le spezie in cucina

L’uso delle spezie in cucina è molto antico, tra le popolazioni del passato menzioniamo gli antichi egizi, che usavano questi profumi in cucina per insaporire i cibi, ma soprattutto per dare forza, vigore, energia e preservare la salute dell’individuo, grazie alle loro proprietà benefiche. In modo particolare fornivano alimenti molto speziati ai lavoratori addetti alle costruzioni delle piramidi, proprio perché convinti che i pasti con una forte dose di spezie, donassero maggiore forza agli uomini, per cui si usavano anche diverse miscele di spezie, in modo che preservassero il loro fisico da eventuali malattie ed epidemie.

spezie in cucina

Le spezie sono diventate di uso comune nella moderna cucina occidentale, anche se le loro origini risalgono ai popolo orientali; la storia e la conquista del mondo dei diversi popoli ha permesso al mercato internazionale lo scambio di cibi, usi e tradizioni, per cui anche il baratto e la vendita delle spezie, ha permesso la diffusione di questi estratti vegetali, che non solo fanno bene alla salute, ma sono ottimi per rendere speciali e particolari le diverse ricette esistenti. Alcune di queste sono identificate proprio grazie all’uso di una spezia specifica, un esempio è il classico risotto alla milanese, senza lo zafferano dalla tipica colorazione prima rossa allo stato originario e poi gialla in fase di cottura, non ci sarebbe alcun elemento lampante che possa identificare la ricetta.

Le spezie devono essere distinte dalle erbe usate in cucina: le prime sono cortecce, radici, semi o fiori o anche bacche, come per esempio quando parliamo di pepe in grani, questo si presenta in forma di bacche particolarmente profumate. Invece quando parliamo di erbe, il riferimento è legato alle foglie e al gambo della pianta, come il prezzemolo e il basilico per citare gli esempi più conosciuti.

spezie in cucina 1

Detto questo, le spezie in cucina sono fondamentali per condire i piatti anche più denudati di sapore: spesso quando si parla di salute, medici e nutrizionisti consigliano di eliminare o ridurre l’uso del sale, in quanto un suo abuso potrebbe nuocere e aggravare lo stato salutare di alcuni soggetti, provocando problemi di colesterolo, ipertensione e anche danneggiare il cuore; per questi motivi, per rendere i piatti con maggior sapore, si suggerisce di usare le tante spezie presenti per rendere diverse le pietanze, più gustose e appetibili.

Sono comuni le cene con amici e parenti che prevedono l’uso del barbecue, in questi casi, ci sono in commercio diversi prodotti miscelati specifici per la carne alla brace o pesce a seconda di gusti e preferenze. Un classico della cucina è il preparato per arrosti, un miscuglio di spezie, tutte perfettamente abbinabili a questa ricetta, che esaltano il sapore di quel tipo di carne.

Come si usano le spezie

Le spezie in cucina si usano macinate, si trovano comodamente già ridotte in polvere nei grandi centri di distribuzione alimentare ma, per esaltare al meglio i sapori e avvertire la freschezza della spezia, si consiglia di eseguire quest’azione nel momento in cui serva, ossia al completamento della ricetta o anche in corso di cottura, secondo dei casi e tempi richiesti per la buona riuscita di una ricetta. L’uso in fresco delle spezie permette di avvertire nell’immediato il profumo della stessa, che unito agli alimenti, ne esalterà la gustosità. La macinazione delle spezie avviene tramite un accessorio: il macina spezie, strumento che non dovrebbe mai mancare in nessuna cucina: questo è prezioso per gli usi cui può essere destinato, ossia la macinazione delle numerose spezie presenti in commercio.

Le spezie salvano i sapori

spezie

Le spezie sono definite in cucina “i salva sapori”. Può accadere che un piatto non sia riuscito al meglio o per troppa cottura o mancanza di sale o errore nella preparazione; aggiungere una spezia profumata come il curry per esempio o anche lo zafferano, salvia, rosmarino o timo, può essere la scelta perfetta per salvare una pietanza apparentemente mal riuscita. Ogni spezia ha un suo carattere identificativo; in passato vi era una netta classificazione di spezie, tra quelle da usare in ambito salato e quelle invece per esaltare i dolci. La cannella è usata fin dall’antichità per la preparazione di creme e piatti dolci, nella cucina moderna questa spezia si usa anche per esaltare piatti oggi classificati “agrodolci”.

Il macina spezie

Il macina spezie è un accessorio che deve essere scelto con attenzione, in commercio ce ne sono di tanti modelli e marchi, apparentemente simili, ma che presentano talvolta delle lievi differenze, che possono fare la differenza. La sua conformazione è creata per agevolare l’eventuale impugnatura e permettere la macinazione delle spezie al momento: la forma è tubolare e basta una leggere torsione della parte superiore per macinare le spezie poste al suo interno. La scelta di questo accessorio non deve avvenire in maniera causale, meglio affidarsi a prodotti artigianali, che esaltino la spezia macinata e non ne coprano il sapore o tendano a rovinarlo. Attenzione agli strumenti che potrebbero avere la tendenza all’ossidazione, con il trascorrere del tempo, se acquistate un prodotto con lame non in acciaio e di scarsa qualità, potrebbe verificarsi l’antipatico effetto ossidazione, che durante la macinazione delle spezie potrebbe rovinarne il sapore e la stessa freschezza, per cui meglio spendere qualcosa in più per avere la garanzia di un accessorio di qualità, che sia realizzato con prodotti certi e che sia sinonimo di sicurezza. Attenzione anche alla pulizia dello stesso macina spezie: usate carta da cucina bagnata per pulire a fondo l’attrezzo e asciugate con cura.

Related Posts with Thumbnails

Rispondi