Lasagne alla Bolognese

Le Lasagne alla Bolognese, sono un piatto tipico dell’Emilia Romagna e più precisamente, come si evince dal nome stesso, sono originarie della città di Bologna.

Un po’ di StoriaCicerone

Anche se in molti credono che questo piatto abbia avuto origine recentemente, in realtà le Lasagne risalgono all’epoca Romana. All’epoca non erano preparate come le conosciamo noi oggi, ma erano composte da una striscia di pasta tagliata a forma di quadrato e cotta sulla piastra o in pentola, assieme a formaggio e fagioli. Erano talmente apprezzate, che anche Cicerone, uno dei più grandi uomini Politici ed oratori dell’Urbe, le preferiva alle altre pietanze, poichè non solo erano buone, ma erano anche facili da masticare in età avanzata.

Fino al XIV secolo quindi, questo piatto era conosciuto come un piatto inventato dagli antichi Romani e per questo continuava ad essere chiamato “lasana” o “lasanum”, cioè “vaso, recipiente” : questo nome indicava il treppiede da portare sul fuoco o anche il recipiente che serviva per la cottura dei cibi, mentre con “laganon” e “laganum” si indicava una sfoglia sottile che era ricavata da un impasto con farina di grano e che veniva cotta al forno o direttamente sul fuoco.. Fu allora che Francesco Zambrini pensò di lasciare le striscie di pasta intere e di sovrapporle, formando degli strati, e di farcirle con del formaggio: fu un grande successo e da quel giorno le Lasagne diventarono a strati, infatti Zambrini ne parla anche nel suo libro.

Non si sa però quando queste primitive lasagne divennero come quelle che conosciamo noi: nemmeno Pellegrino Artrusi, padre della moderna cucina italiana, ne parla nel suo libro. Sappiamo solo che le Lasagne divennero famose a partire dai primi del ‘900, quando alcuni cuochi bolognesi le fecero conoscere ai loro clienti ed in seguito, nel 1935, Paolo Monelli le cita nel suo libro il “Ghiottone errante”.

La ricetta

Una cosa fondamentale affinchè il piatto riesca bene è che la carne tritata sia mista, cioè metà di bovino e metà di suino per dare maggiore sapore al tutto. Inoltre non risparmiate sulla pasta: se potete avere quella fresca è meglio, altrimenti cercate di prendere della pasta di qualità. Se inoltre non siete a dieta, tra uno strato e l’altro potete mettere anche qualche fiocchetto di burro che renderà la pasta più morbida.

Fetta lasagne

Questa ricetta che vi propongo non è proprio quella originale, nella quale sono presenti anche altri ingredienti, tra cui la pancetta, ma è quella che di solito preparo io: a me piace un sacco ed è quella versione che praticamente preparano tutti in Italia (almeno credo). Se per esermpio cercate quella originale è presente anche la pancetta, altri la preparano con le polpette e con le uova (cosa che quì fanno tutti): insomma questa è la mia preferita e di seguito trovate il modo per farle.

Difficoltà: media

Tempo di preparazione: 1 h e 30 minuti circa

Ingredienti (per 4 persone):

  • 1 confezione di lasagne secche;
  • 500 ml di besciamella Gran Cucina;
  • Parmigiano reggiano grattuggiato;
  • 50 gr di Prosciutto cotto
  • 1/2 cipolla;
  • 1/2  carota;
  • funghi;
  • brodo di carne;
  • 300 gr di carne tritata mista;
  • 500 ml circa di sugo di pomodoro;
  • olio extra vergine d’oliva Dante;
  • sale e pepe;
  • 1/2 bicchiere di vino rosso.
  • provola;
  • sottilette Inalpi.

Preparazione:

Per prima cosa iniziamo con la preparazione del ragù: tritate la cipolla e fatela rosolare in padella finchè non è dorata con dell’olio d’oliva (3 cucchiai circa), quindi aggiungete funghi e carne trita e fateli cuocere per alcuni minuti, finchè quest’ultima cambia leggermente colore. A questo punto, unite il sugo, la carota che avrete precentemente tagliato a pezzetti (non deve essere troppo spessa o non si cuocerà), il vino rosso e lasciate cuocere il tutto per circa 20 minuti a fuoco basso, in modo che il ragù rimanga piuttosto liquido: se per caso si dovesse asciugare troppo, aggiungete un pò di brodo di carne caldo per diluire leggermente il tutto.

Quando il sugo sarà pronto, accendete il forno in modo che inizia a riscaldarsi: potete trovare la temperatura sulla confezione di Lasagne  e solitamente è di 180°.

Per quanto riguarda la pasta, a seconda della marca può capitare che questa rimanga dura anche dopo la cottura, quindi nel caso di quella rigida solitamente si usa farla bollire per 10 minuti in una pentola con acqua salata e un goccio d’olio (per non farla attaccare): fatene pochi fogli per volta, tutti per lo stesso intervallo di tempo, ed adagiateli man mano su un telo da cucina umido. Potete anche cuocere tutta la pasta se avete un recipiente capiente, tipo una teglia profonda.

Fondo teglia

Iniziamo quindi a comporre il tutto: mettiamo sul fondo della teglia un pò di sugo, preferibilmente la parte più liquida, in modo da non far attaccare la pasta al fondo.

Strato 1 lasagne

Quindi iniziamo mettendo uno strato di pasta (non deve rimanere alcun buco se riuscite), poi uno di sugo, un altro di pasta, uno con provola, sottilette, prosciutto spezzettato e besciamella, un altro di pasta e così via, fino a che non riempirete la teglia o non avrete terminato gli ingredienti.

Strato 2 lasagne

L’ultimo strato deve essere ricoperto di sugo e mi raccomando, cercate di ricoprire tutta la superficie o nei punti che non vengono coperti dal sugo la pasta rimarrà dura. Ora, se ne è rimasta, aggiungete la besciamella rimanente, un paio di sottilette e cospargete di Parmigiano grattuggiato a volontà.

Ultimo strato lasagne

Ricoprite la teglia con carta stagnola, arrotolandola sui bordi in modo da chiudere il tutto per bene e fate cuocere il tutto per circa 40 minuti: anche quì troverete il tempo sulla confezione delle lasagne, ma regolatevi anche a seconda della pasta, cioè se è ancora dura quando scade il tempo, lasciatela qualche altro minuto. In ogni caso, a fine cottura togliete la carta stagnola e lasciate la teglia  nel forno spento, in modo che si ultimi la cottura e si gratini leggermente la pasta in superficie. Ed ecco il risultato finale!

lasagne

Ed una bella fetta di Lasagne alla Bolognese per tutti!

fetta lasagne

Ora non vi resta che tagliare un quadrato di lasagna e servire in tavola! Ho già l’acquolina in bocca..quindi mi sa che le preparo di nuovo! Infatti vi assicuro che non solo sono belle da vedere, ma sono altrattanto buone e solitamente accontentano tutti, grandi e piccini: è raro trovare qualcuno a cui non piacciano. Naturalmente si tratta di un piatto piuttosto pesante, quindi consideratele un piatto unico e se siete a dieta non esagerate, ma non rinunciate mai ad assaggiarle perchè ve ne pentirete: al massimo potete accompagnarla con un pò di insalata!

Quindi ora vi lascio perchè per me è ora di decidere cosa cucinare oggi (forse ho già deciso) e come sempre..

BUON APPETITO!!

 

 

 

Related Posts with Thumbnails

Un pensiero su “Lasagne alla Bolognese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *