Pitte di S. Martino (Pitti i Frà Martinu)

Oggi vi presento un prodotto tipico delle mie parti, cioè della provincia di Reggio Calabria. Si producono sopratutto nell’area Aspromontana  (Sant’Eufemia D’Aspromonte, Gambarie, Delianuova, Molocchio, Oppido Mamertina, Taurianova, Cittanova e San Giorgio Morgeto) e a Bagnara Calabra, ma in quasi tutta la provincia sono molto diffuse, infatti sono d’obbligo in casa mia perchè ne andiamo molto ghiotti! Nella provincia reggina costituiscono dolce tradizionale della festività natalizia, altrove si usano per onorare l’estate di San Martino, onde il nome di Pitte di San Martino (e molte volte si preparano anche nel periodo Pasquale).

In altre zone della Calabria prendono il nome di pretali, nepitelle, ecc., si distinguono per i decori tradizionali oltre che per piccole variazioni della ricetta, infatti le persone più brava riescono a fare dei biscotti dalle forme più strane! Solitamente sono di forma rotonda o rettangolare e grandi 5-8 cm di diametro, ma molte volte ne ho viste anche alcune gigantesche (e immaginerete come mi si saranno illuminati gli occhi nel vederle!!). Hanno un sapore delicato e dolce ed un odore fruttato, quindi potete solo immaginarne il buon profumo nel mangiarle!

Ma vediamo ora gli ingredienti di questo dolce! Anche perchè mi sono dilungata abbastanza…

Difficoltà: medio – alta

Tempo di preparazione:1 ora circa + 1 giorno per far riposare il composto

Ingredienti:

  1. Per il ripieno:
  • 1 kg di fichi secchi ed infornati;
  • 300 gr di uva passa:
  • frutta secca (noci, nocciole, mandorle spellate e tostate);
  • garofano;
  • cannella;
  • 4 clementine;
  • 6 tazze di caffè zuccherato;
  • mosto cotto (o vino);
  • 1/2 busta di cacao.

2. Per la sfoglia:

  • 2 kg di farina;
  • 500 gr di zucchero;
  • 2 uova;
  • 200 gr di olio d’oliva;
  • 20 gr di ammoniaca per dolci;
  • 1/2 litro di latte tiepido;
  • 2 bustine di lievito chimico;
  • succo d’arancia q.b.;
  • codette di zucchero.

Ed ora mettiamoci all’opera con tanta pazienza!

Preparazione:

Ammollate in acqua tiepida l’uva passa per farla rinvenire e fate a pezzetti la frutta secca (non va polverizzata o il sapore dei biscotti cambia). Tritate nel tritacarne l’uvetta ed i fichi secchi e mischiate il tutto con la frutta secca (quantità a piacere).

Aromatizzate questo impasto con il garofano, la cannella e la scorza grattuggiata delle clementine. Bagnare il tutto con il caffè, una cioccolata ottenuta con il cacao (oppure prendete della cioccolata e scioglietela a bagnomaria) e con un pò di mosto cotto (al posto del mosto qualcuno usa il miele disciolto in acqua a bagnomaria, ma vi consiglio di usare il mosto o al massimo il vino cotto con lo zucchero).  Ora mettete il composto ottenuto a riposo per un giorno in modo che assorba tutta l’acqua: diventerà molto duro e si lavorerà a fatica.

Intanto possiamo preparare la pasta sfoglia: unire alla farina, lo zucchero, le uova, l’olio, l’ammoniaca sciolta nel latte tiepido, il lievito chimico, succo di arancia a piacere e mescolate il tutto finchè non otterrete una sfoglia facilmente malleabile.

Stendere la pasta con macchinetta per le lasagne (oppure con il mattarello) e formare con un bicchiere tanti dischetti, di cui ne intaglierete la metà (oppure fate dei rettangoli ed intagliatene sempre la metà). Ponete con un cucchiaio, su ogni dischetto, una parte del ripieno e fatene una cupoletta, ricoprite con uno dei dischetti intagliati e premete i bordi in modo da richiudere il tutto (potete rifinirli con  la rotella dentata).

Ora cospargete di codette di zucchero e spennellate con uovo sbattuto, mettete in una tortiera imburrata ed infornate a calore moderato (circa 180°) finchè i biscotti non diventano dorati. Molti usano pezzetti di pasta sfoglia per decorare ulteriormente questi dolci oppure usano un dischetto di base più largo e lo tirano su dai lati in modo da chiudere il tutto e fare delle decorazioni, quindi guardate la foto ed usate la fantasia!!

Ed ora gustate questi dolci buonissimi della mia adorata Calabria!! Spero siano di vostro gradimento..ma non ho dubbi!! Vi auguro come sempre

BUON APPETITO

&

BUONE FESTE!!

Related Posts with Thumbnails

2 pensieri su “Pitte di S. Martino (Pitti i Frà Martinu)

    • Come ho scritto nella procedura è a piacere: quindi a seconda dei tuoi gusti puoi mettere più o meno frutta secca! Comunque se trovo la ricetta tra i miei quaderni controllo se c’è scritta la dose nel caso mi sia sfuggita! :)

Rispondi