Mikado fai-da-te

Avete mai visto in televisione quei bastoncini della Saiwa ricoperti di cioccolato? Buonissimi!! Ma quanta delusione quando iniziate il pacchetto e sono già finiti? Immensa!! Anche perchè costano un bel pò vista la misera quantità!

Allora ecco una semplice ricetta per farli in modo semplice, veloce ed economico!

Difficoltà: bassa

Tempo di preparazione: 10 minuti

Ingredienti:

  • 1 pacco di grissini;
  • 100 gr di cioccolato al latte (o fondente);
  • zuccherini colorati.

Preparazione:

Sciogliete il cioccolato a bagnomaria in un pentolino a fuoco medio, avendo cura di mescolarlo per evitare che si attacchi quando inizia a sciogliersi (prima direi che è inutile mescolarlo e difficile..). Appena si sarà fuso completamente, mettetelo in un bicchiere alto e stretto e riempitelo almeno fino a metà (se volete potete mettere nel cioccolato anche un pò di peperoncino o di rhum..però solo se non li preparate per dei bambini). In un altro bicchiere uguale, versate gli zuccherini. A questo punto, prendete i grissini e tenendoli per un’estremità immergeteli nel cioccolato fuso, fate sgocciolare e poi cospargete con gli zuccherini colorati. Riponete i vostri “mikado” in una teglia su della carta da forno e conservete in frigo finchè il cioccolato non si sarà nuovamente solidificato.

Belli vero? Sono ottimi per far fare merenda ai nostri bimbi e naturalmente per consumare la cioccolata rimasta dalle uova di Pasqua! Naturalmente potete prepararli anche con altri tipi di cioccolato e con diverse decorazioni. Farete un figurone se li presenterete in un vaso pieno di cioccolatini e biscotti, ma evitate di farli stare troppo fuori dal frigo, specie nei periodi in cui fa caldo (infatti li sconsiglio per i picnic).

Spero che questa ricetta sia di vostro gradimento, altrimenti potete andare all’articolo dedicato al consumo delle uova di Pasqua e provarne un’altra! Buona giornata a tutti e..

BUON APPETITO!!

Related Posts with Thumbnails

2 pensieri su “Mikado fai-da-te

  1. Pingback: Dolcetti di riso soffiato

  2. Pingback: Come riciclare le uova di Pasqua

Rispondi